News

Agenzia delle entrate: ora ci vuole Spid o la carta d’identità elettronica

Addio dal 1° ottobre alle credenziali di Fisconline per accedere ai servizi dell’Agenzia delle entrate. L’accesso ai servizi online del Fisco ora si può fare solo con Spid oppure con la nuova Carta d’identità elettronica. Ecco in che modo.

04 ottobre 2021
Agenzia delle entrate online

In linea con il decreto “Semplificazioni” (dl 76/2020) la Pubblica amministrazione sta cercando di uniformare la modalità di accesso ai suoi servizi. Dopo L’INPS, quindi, ora si adegua anche il Fisco. Dal 1° ottobre per accedere ai servizi online dell’Agenzia delle entrate è possibile utilizzare lo Spid, la Carta d’identità elettronica oppure la Carta nazionale dei servizi.

Addio credenziali Fisconline

Per accedere alle funzionalità dell’Agenzia delle entrate, quindi, da ora è necessario dotarsi di Spid, oppure utilizzare la Carta d’identità elettronica o la Carta nazionale dei servizi. Quest’ultima, benché sia rilasciata automaticamente alla richiesta del codice fiscale, è la meno diffusa, perché prevede per il suo utilizzo un lettore smart card da collegare a un pc e i codici PIN e PUK da richiedere all’Agenzia delle entrate. La vera novità riguarda la Carta di identità elettronica (Cie). Ma cos’è, come si richiede e come si utilizza?

La carta di identità elettronica

La Cie è l’evoluzione della carta d’identità in versione cartacea ed è simile a una carta di credito per forma e dimensioni. Sulla Cie vengono stampati con il laser la foto e i dati del cittadino, protetti con elementi e tecniche di anticontraffazione, come ologrammi e inchiostri speciali. Nella carta è integrato un microchip contactless che contiene:

  • i dati personali, la foto e le impronte digitali del titolare, protetti da meccanismi che ne prevengono la contraffazione;
  • le informazioni per consentire l’autenticazione in rete da parte del cittadino a servizi erogati da pubbliche amministrazioni e imprese;
  • ulteriori dati per la fruizione di servizi a valore aggiunto, in Italia e in Europa.

Per avere maggiori informazioni sulla Cie, sapere come funziona, ma soprattutto come si fa a richiederla puoi, consultare il nostro speciale sulla carta d'identità elettronica.  

Come si utilizza sul sito dell'Agenzia delle entrate

La Cie può essere utilizzata in diversi modi per accedere al sito dell’Agenzia delle entrate:

  • con smartphone Android 6.0 o superiore, in alternativa iOS13 o superiore, dotato di tecnologia NFC (la tecnologia che consente i pagamenti elettronici grazie allo scambio di dati a corto raggio con sistema wireless) con installata la app “Cie ID”. Una volta aperta l’app basta avvicinare la carta d’identità elettronica allo smartphone per eseguire l’autenticazione;
  • con lettore di smartcard contactless utilizzando un computer Windows, Mac o Linux, con installato il software Cie. In questo caso basta appoggiare la carta d’identità elettronica al lettore e avviene il riconoscimento;
  • con computer e smartphone insieme. In questo caso, una volta scelta l’autenticazione tramite Carta d’identità elettronica e aver cliccato su “prosegui con smartphone” occorre inserire il numero di serie della propria Cie dove richiesto. Cliccando su prosegui, viene generato un QR code che va inquadrato con lo smartphone tramite l’app Cie ID, a questo punto avvicinando la carta d’identità elettronica allo smartphone viene generato un codice OTP che devi inserire dal pc per terminare l’autenticazione.

L’Agenzia delle entrate non è la sola a utilizzare la Cie per consentire l’autenticazione dei cittadini. Il Governo tiene sempre aggiornato l’elenco degli enti che permettono l’utilizzo della CIE per l’autenticazione sul loro portale.