Speciali

Ventilatore sì, ma quale scegliere?

06 agosto 2018
ventilatore

06 agosto 2018

Con l’arrivo del gran caldo, si corre subito ai ripari e una delle soluzioni più tradizionali è il ventilatore. Scopri tutto quello che c’è da sapere per fare un buon acquisto e per superare l'ondata di afa degli ultimi giorni.

Quali aspetti valutare

L’immancabile ventilatore è tornato ad allietare le afose giornate estive e ci accompagnerà, anche quest’anno, per le prossime settimane. Il ventilatore dona sollievo perché permette di far evaporare il calore in eccesso che non viene smaltito dalla nostra pelle quando caldo e umidità fanno da padroni.

Come scegliere il ventilatore?

Scegliere il ventilatore giusto non è difficile come potrebbe sembrare, basta aver chiare i requisiti da considerare per fare la scelta più adatta alle nostre esigenze.

Le caratteristiche da considerare sono:

  • dimensioni delle pale o diametro del ventilatore,
  • numero di velocità di aerazione,
  • portata massima (espressa in m3/h),
  • rumorosità (espressa in Db),
  • orientabilità (espresso in gradi),

Inoltre occorre prestare attenzione ad altri fattori:

  • stabilità: verificate che il supporto garantisca una buona stabilità del ventilatore anche quando è in movimento,
  • marchi di sicurezza: gli apparecchi devono riportare la marchiatura CE, controllate che ci sia anche la certificazione IMQ,
  • sicurezza: i ventilatori, a eccezione di quelli da soffitto, devono essere dotati di una griglia di protezione che impedisca l’accesso diretto alle pale. Se riuscite ad inserire un dito nella griglia, il prodotto non è a norma. In alcuni modelli la griglia è apribile per consentire la pulizia,
  • dimensioni e peso: quando non serve più, il ventilatore si può richiudere e posizionare in cantina, soffitta, o in un armadio.
Fisso o mobile?

L’efficacia del ventilatore dipende dalla quantità di aria che riesce a spostare, quindi è molto importante sceglierlo in base alla forma delle pale e con adeguati livelli di velocità.
A seconda di dove può essere posizionato e dagli elementi di cui è composto, il ventilatore può essere fisso o mobile.

I ventilatori fissi possono essere:

  • a pale da soffitto, con prezzi a partire da 35 euro
  • da parete.

Quelli mobili possono essere:

  • da terra a piantana (prezzi a partire da 20 euro)
  • da terra a torre (da 25 euro)
  • da tavolo (a partire da 15 euro).

Infine esistono anche i ventilatori senza pale ma sono costosi, maggiormente rumorosi e consumano di più, pertanto li sconsigliamo.

Le tipologie a confronto

Ogni tipologia di ventilatore fornisce un flusso d’aria differente, adatto ad ambienti e situazioni diverse fra loro.

  • Ventilatore a soffitto
    è la tipologia di ventilatori che fornisce il flusso d’aria più uniforme. È adatto ai grandi ambienti ed è spesso dotato di plafoniera con lampada e di telecomando, per essere azionato a distanza.
  • Ventilatori a terra
    a piantana o a torre, sono pensati per aerare grandi ambienti senza ricorrere a lavori elettrici o murari (come può accadere per il ventilatore a soffitto). I ventilatori da terra offrono aerazione soltanto dall’altezza in cui si trovano le pale (che nella tipologia ad asta si può regolare), i ventilatori a torre invece riescono ad aerare uno spazio più grande.
  • Ventilatori da appoggio
    sono pensati per un’aerazione più contenuta. Solitamente di dimensioni più piccole, sono in grado di dare refrigerio soltanto a zone ben definite e limitate. Possono essere facilmente spostati e si può scegliere di bloccarli o di farli ruotare per aerare diverse zone dello stesso ambiente.
Perché acquistarlo?

Il ventilatore non è un compagno perfetto se usato male: sottoponendosi direttamente al flusso d’aria si possono rischiare raffreddori dannosi. Ma i vantaggi in realtà sono diversi.

  • I ventilatori rinfrescano nei mesi caldi ed eliminano rapidamente gli odori sgradevoli e il fumo. Se usati nei mesi invernali, permettono un utilizzo più razionale del riscaldamento: girando alla minima velocità mandano verso il basso l'aria calda (che normalmente si concentra sul soffitto) mantenendo più costante la temperatura anche verso il pavimento.
  • Il prezzo di acquisto è contenuto e i consumi limitati.
  • Il disagio dell’afa e del gran calore sono attenuati senza modificare la qualità dell’aria che viene solo mossa più velocemente.
  • Sono di facile installazione: quelli a pavimento si possono spostare da una stanza all’altra, secondo le necessità.