Speciali

Ventilatore sì, ma quale scegliere?

09 giugno 2015
ventilatore

09 giugno 2015

Con l’arrivo del gran caldo, si corre subito ai ripari e una delle soluzioni più tradizionali è il ventilatore. Scopri tutto quello che c’è da sapere per fare un buon acquisto e per superare l'ondata di afa degli ultimi giorni.

Quali aspetti valutare

L’immancabile ventilatore è tornato ad allietare le afose giornate estive e ci accompagnerà, anche quest’anno, per i prossimi mesi. Il ventilatore dona sollievo perché permette di far evaporare il calore in eccesso che non viene smaltito dalla nostra pelle quando caldo e umidità fanno da padroni.

Come scegliere il ventilatore?

Scegliere il ventilatore giusto non è difficile come potrebbe sembrare, basta aver chiare i requisiti da considerare per fare la scelta più adatta alle nostre esigenze.

Le caratteristiche da considerare sono:

  • dimensioni delle pale o diametro del ventilatore,
  • numero di velocità di aerazione,
  • portata massima (espressa in m3/h),
  • rumorosità (espressa in Db),
  • orientabilità (espresso in gradi),

Inoltre occorre prestare attenzione ad altri fattori:

  • stabilità: verificate che il supporto garantisca una buona stabilità del ventilatore anche quando è in movimento,
  • marchi di sicurezza: gli apparecchi devono riportare la marchiatura CE, controllate che ci sia anche la certificazione IMQ,
  • sicurezza: i ventilatori, a eccezione di quelli da soffitto, devono essere dotati di una griglia di protezione che impedisca l’accesso diretto alle pale. Se riuscite ad inserire un dito nella griglia, il prodotto non è a norma. In alcuni modelli la griglia è apribile per consentire la pulizia,
  • dimensioni e peso: quando non serve più, il ventilatore si può richiudere e posizionare in cantina, soffitta, o in un armadio.

Stampa Invia