Speciali

Tari 2022: novità, scadenze, bonus ed esenzioni

La tassa sui rifiuti è diversa in ogni Comune, ma ci sono regole che valgono per tutti. Vediamo insieme chi la deve pagare e quali agevolazioni si possono ottenere.

02 marzo 2022
Tari 2022

La Tari è la tassa comunale sui rifiuti, introdotta nel 2014 per sostituire le precedenti imposte sui rifiuti che hanno generato non pochi problemi di applicazione e di interpretazione, quali la TIA e la TARES.

La Tari deve coprire i costi di gestione del Comune per:

  • la raccolta e il trasporto dei rifiuti;
  • lo spazzamento e il lavaggio delle strade;
  • il trattamento e recupero dei rifiuti;
  • lo smaltimento dei rifiuti.

Il Comune, in base alla quantificazione di questi costi, emana il proprio regolamento con cui stabilisce le tariffe da applicare alle singole utenze domestiche e non. La particolarità della Tari consiste nel fatto che è un’imposta che deve portare a saldo zero, in pratica l’ammontare riscosso dal Comune deve coprire esattamente i costi ma non deve generare ulteriori entrate.

L’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia e Reti e Ambiente) che ha funzione di regolazione e controllo del settore dei rifiuti a livello statale, ha emanato una delibera con la quale ha stabilito i nuovi criteri che i Comuni devono utilizzare per emanare i regolamenti in tema rifiuti. Benché questo documento debba esser recepito da tutti i Comuni entro il 31 marzo 2022, entrerà in vigore dal 1° gennaio 2023.

Le novità dal 2023

Grazie alla delibera di Arera, i Comuni dovranno garantire, a partire dal 2023, una rateizzazione ulteriore dei pagamenti (per rate di importo minimo pari a 100 euro) per alcune situazioni particolari:

  • utenti che dichiarino di essere beneficiari del bonus sociale per disagio economico previsto per luce, gas e acqua;
  • utenti che si trovino in condizioni economiche disagiate, individuati secondo i criteri definiti dall’ente territoriale competente;
  • se l’importo addebitato supera del 30% il valore medio riferito alle fatture emesse negli ultimi due anni.

Inoltre, nel caso in cui si dovessero pagare cifre errate o non dovute, sarà possibile richiedere la rettifica direttamente ai gestori del servizio rifiuti del Comune di residenza e i rimborsi dovranno avvenire entro 120 giorni lavorativi.

Infine, dovrebbe esser previsto un servizio clienti migliore, mediante numero verde raggiungibile sia da rete mobile che da rete fissa.

Chi deve pagare la Tari

Il pagamento della Tari è dovuto da chiunque possegga locali o aree scoperte che producono rifiuti urbani, l’imposta non è dovuta sulle aree scoperte pertinenziali o accessorie delle abitazioni (terrazze, balconi, cantine, giardini…) e le aree condominiali comuni (ascensori, scale, atri...).

La Tari è dovuta in genere dal proprietario dell’immobile o più in generale dal titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie).

In caso di affitto, se è stato stipulato un contratto che dura almeno 6 mesi l’imposta è a carico del locatario. Pertanto, per gli affitti brevi, l’adempimento rimane a carico del proprietario dell’immobile.

Ricorda che, poiché la quantificazione dell’imposta dipende anche dal numero di occupanti dell’immobile, qualsiasi variazione in tal senso deve esser segnalato immediatamente al gestore della tariffa.

Quanto si paga

Il principio in base al quale si applica la Tari è quello del “chi inquina paga”, che è stato stabilito a livello comunitario. Alcuni Comuni più virtuosi applicano questo principio commisurando il pagamento dell’imposta alla reale quantità di rifiuto indifferenziato che viene prodotto, tramite l’utilizzo di diversi metodi di quantificazione che variano dal numero di volte che viene ritirato per lo svuotamento il bidone dell’indifferenziato a badge da passare su appositi lettori posti sui cassonetti. In questi Comuni può essere prevista l'applicazione di un servizio minimo, cioè la quantità minima di prestazioni che verrà addebitata in ogni caso, ad esempio quantificando volume minimo, peso minimo o numero minimo di svuotamenti.

Il Comune però, se non è in grado di applicare una tariffazione puntuale, può decidere di parametrare l’importo che dovrà essere versato alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie calcolate in base alla destinazione d’uso dell’immobile, la tipologia delle attività svolte, il costo del servizio sui rifiuti…Di fatto, la gran parte dei Comuni applica questa modalità di calcolo, valutando i metri quadri dell’immobile e il numero dei suoi occupanti e aggiungendo il costo del servizio.
In pratica, l’imposta è composta da due voci:

  • tariffa fissa calcolata sui metri quadri e sugli occupanti;
  • variabile calcolata o sulla base dei costi di servizio che risentono ancora del numero degli occupanti o sulla quantità di rifiuti prodotti.

Esenzioni e agevolazioni

Il Comune può stabilire l’esenzione dal pagamento o la riduzione di quanto dovuto sulla base di alcune situazioni, come ad esempio:

  • abitazioni con unico occupante;
  • abitazioni o locali tenuti a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo come le case vacanza;
  • abitazioni occupate da persone che risiedono all’estero per più di sei mesi all’anno;
  • fabbricati rurali ad uso abitativo;
  • le case inadatte all’alloggio e sprovviste di contratti di luce, gas e acqua;
  • produzione di compost dalla frazione umida della raccolta differenziata.

Allo stesso modo, i Comuni possono stabilire delle riduzioni del pagamento per periodi temporanei qualora non sia possibile procedere alla gestione dei rifiuti come ad esempio quando avvengono calamità naturali ci sia un problema organizzativo del gestore. In questo caso la riduzione è dell’80% di quanto dovuto.

Bonus rifiuti

Come per i bonus sociali dedicati a luce, gas e acqua il bonus rifiuti è un’agevolazione economica che garantisce la riduzione della spesa per la Tari per i nuclei familiari in condizione di disagio economico.

Lo sconto sulla Tari è applicato automaticamente ai contribuenti che possiedono i seguenti requisiti:

  • nucleo familiare con ISEE fino a 8.107,5 euro;
  • famiglie numerose con ISEE fino a 20.000 euro;
  • beneficiari del reddito o pensione di cittadinanza.

Le regole specifiche vengono però stabilite da ogni Comune, quindi occorre informarsi direttamente presso il gestore della Tari.

Quando pagare la Tari

La Tari deve esser pagata al Comune in cui si trova l’immobile. In genere è prevista la possibilità di versare tutta l’imposta in un’unica soluzione, oppure di rateizzarla con le scadenze individuate appunto dal gestore della raccolta rifiuti. In ogni caso la competenza è annuale, quindi non vengono previsti acconti d’imposta per l’anno successivo, ma quanto si paga è riferito esclusivamente all’anno in corso.

Per esser certo delle scadenze, devi fare riferimento al gestore e verificare sui documenti di riscossione che devono indicar anche le conseguenze previste in caso di ritardo o mancato pagamento. Le modalità di pagamento prevedono tre sistemi principali, cioè il bollettino postale, il MAV e il modello F24, che dovrebbero arrivare direttamente via posta già compilati.