Consigli

Come sopravvivere ai disagi in aeroporto

24 agosto 2016
aereoporto

24 agosto 2016

Overbooking, scioperi, ritardi, sono solo alcuni dei casi che possono creare non pochi disagi alle migliaia di passeggeri in attesa. Le disavventure in aeroporto possono mettere a dura prova anche i nervi di quelli più pazienti: l'importante è sapere sempre quali sono i propri diritti e come fare a farli valere.

Ritardi, cancellazioni, bagali smarriti. Nel periodo delle ferie sono diversi gli "imprevisti" che possono paralizzare gli scali di tutto il mondo. Le disavventure in aeroporto mettono a dura prova anche i nervi dei passeggeri più pazienti. In casi come questi è bene conoscere esattamente a cosa si ha diritto e in quali casi si può chiedere un rimborso.

Cancellazione del volo

Puoi scegliere tra il rimborso del biglietto e un volo alternativo non appena possibile o in altra data di tuo gradimento. Inoltre hai diritto a eventuali pasti e pernottamenti gratuiti, e a fare due telefonate o mandare due fax o e-mail gratuitamente.

Nel dettaglio, hai diritto a:

  • 250 euro per voli inferiori a 1.500 km;
  • 400 euro per voli intra-Ue superiori a 1.500 km e per le altre tratte comprese tra 1.500 e 3.500 km;
  • 600 euro per voli extra-UE superiori a 3.500 km.

L’indennizzo non è, però, dovuto se:

  • la compagnia dimostra che la responsabilità della cancellazione non è sua, ma dovuta a circostanze eccezionali (onere della prova a carico della compagnia);
  • eri stato informato della cancellazione almeno due settimane prima della partenza;
  • ti è stata offerta la possibilità di imbarcarti su un volo alternativo a un orario prossimo a quello originale.

Ritardo del volo

I passeggeri di voli ritardati hanno diritto alla compensazione in denaro prevista per la cancellazione e l’overbooking quando giungono alla loro destinazione finale tre ore o più dopo l’orario di arrivo originariamente previsto. Quindi due ore non danno diritto a un risarcimento. L’indennizzo non è dovuto se la compagnia aerea dimostra che il ritardo prolungato è dovuto a circostanze eccezionali che non si sarebbero potute evitare anche se fossero state adottate tutte le misure del caso, circostanze che sfuggono all’effettivo controllo della compagnia aerea. Ma attenzione: un problema tecnico occorso a un aereo che comporta la cancellazione o il ritardo di un volo non rientra nella nozione di “circostanze eccezionali”, a meno che tale problema derivi da eventi che, per la loro natura, sfuggono all’effettivo controllo da parte della compagnia aerea. Se il ritardo è di almeno cinque ore, il passeggero ha la possibilità di rinunciare al volo senza dover pagare penali e di ottenere il rimborso del prezzo del biglietto per la parte del viaggio non effettuata. Puoi fare richiesta di risarcimento danni per volo in ritardo utilizzando questo modello di lettera.

Overbooking

Giunto in aeroporto, scopri che non c’è più posto sul tuo volo nonostante tu sia in possesso di una regolare prenotazione. Si chiama overbooking: ma a che cosa hai diritto? Se eri in possesso di regolare biglietto con prenotazione confermata al check-in in aeroporto e sei arrivato in aeroporto entro l’orario previsto per l’accettazione fissato dalla compagnia aerea, puoi scegliere tra:

  • il rimborso del prezzo del biglietto;
  • un volo alternativo il prima possibile;
  • un volo alternativo in una data successiva.

Inoltre la compagnia aerea deve pagare immediatamente un indennizzo al passeggero che può variare (a seconda della distanza chilometrica) da 250 a 400 euro per i voli fino a 3500 km a 600 euro per i voli oltre i 3500 km. Inoltre hai diritto a eventuali pasti e pernottamenti gratuiti, e a fare due telefonate o mandare due fax o e-mail gratuitamente. Infine, se accetti di viaggiare in una classe inferiore rispetto a quella per cui hai prenotato, la compagnia deve rimborsarti una cifra che può variare (a seconda della distanza chilometrica) dal 30 al 75% del prezzo del biglietto. Puoi chiedere alla compagnia aerea anche il risarcimento dei danni subiti in conseguenza del mancato imbarco sul volo da te prenotato. Per esempio danno patrimoniale, nei due profili del danno emergente (spese da affrontarsi in conseguenza del mancato imbarco sul volo prenotato: taxi, pernottamento in albergo…) e del lucro cessante (mancato guadagno per la non conclusione di un affare, perdita di ore di lavoro, mancato godimento di alcuni dei giorni di vacanza programmati), nonché della perdita di un’opportunità (eventuale occasione di lavoro sfumata), oltreché danno biologico da stress per i disagi subiti.

Bagaglio smarrito

Scesi dall'aereo il bagaglio non compare sui nastri trasportatori? Il primo passo da fare è la denuncia dello smarrimento all'ufficio Lost and Found dell'aeroporto dove dovrai compilare l'apposito modulo di reclamo denominato Pir (Property irregularity report). Trascorsi 21 giorni dall'arrivo in aeroporto, se la valigia non è stata ritrovata, è considerata ufficialmente perduta. A questo punto non ti rimane che mandare alla compagnia aerea una raccomandata a/r nella quale indicate i danni subiti, fornendo:

  • il codice di prenotazione del volo in caso di acquisto via internet oppure l'originale della ricevuta in caso di biglietto cartaceo;
  • l'originale del P.I.R. rilasciato in aeroporto;
  • l'originale del talloncino di identificazione del bagaglio e la prova dell'eventuale avvenuto pagamento dell'eccedenza bagaglio;
  • un elenco del contenuto del bagaglio; gli originali degli scontrini dove sia riportata la tipologia della merce acquistata in sostituzione dei propri effetti personali contenuti nel bagaglio;
  • l’indicazione delle coordinate bancarie complete: nome del titolare del conto corrente, nome e indirizzo della banca, codice IBAN;
  • se i suddetti dati non si riferiscono all'intestatario della pratica, specificare anche l'indirizzo di residenza, numero di telefono, numero di fax e/o indirizzo e-mail (se disponibili).

Puoi utilizzare questo modello di lettera.

Bagaglio danneggiato

Rivolgiti all'ufficio Lost and found per denunciare il danneggiamento del bagaglio e compila il modulo di reclamo (Pir), indicando le caratteristiche del bagaglio e i danni subìti. Entro 7 giorni dall'arrivo puoi presentare reclamo (con raccomandata A/R) alla compagnia aerea, allegando questi documenti: 

  • il codice di prenotazione del volo in caso di acquisto via internet oppure l'originale della ricevuta in caso di biglietto cartaceo;
  • l'originale del modulo Pir rilasciato in aeroporto;
  • l'originale del talloncino di identificazione del bagaglio;
  • l'elenco del contenuto del bagaglio che ha riportato danni;
  • l’indicazione delle coordinate bancarie complete: nome del titolare del conto corrente, nome e indirizzo della Banca, codice IBAN).

Bagaglio in ritardo

La procedura è la stessa prevista per lo smarrimento. Il reclamo deve essere presentato per iscritto (a mezzo raccomandata A/R) alla compagnia aerea entro 21 giorni dalla data di riconsegna.

Risarcimenti per smarrimento, danneggiamento, ritardata consegna del bagaglio

Per le compagnie aeree comunitarie e per quelle che aderiscono alla convenzione di Montreal (la maggior parte), il risarcimento può arrivare fino a circa 1.167 euro per ciascun bagaglio registrato e in relazione al danno effettivamente subito. Per le altre si limita a circa 20 euro per kg di bagaglio trasportato.

Se sei socio Altroconsumo e ti serve assistenza per questi disagi, puoi sempre contattare la nostra consulenza giuridica al numero 02.6961550.


Stampa Invia