News

Come funziona il Bonus cultura riservato ai neo 18enni?

Un buono da 500 euro da spendere liberamente per l'acquisto di libri e musica, oppure destinato a un corso di teatro o al biglietto di un concerto. Dopo l'esperimento dello scorso anno, il Governo conferma il Bonus 18 anni per chi è già diventato o diventerà maggiorenne nel 2017. Vediamo a chi spetta e come richiederlo.

  • contributo tecnico di
  • Anna Vizzari
  • di
  • Roberto Usai
29 settembre 2017
  • contributo tecnico di
  • Anna Vizzari
  • di
  • Roberto Usai
Bonus 18 anni, 500 euro da destinare alla cultura dei giovani

Nonostante l'interesse piuttosto vacillante mostrato dai neo maggiorenni lo scorso anno, anche per il 2017 il Governo ha deciso di concedere il Bonus 18 anni, confermando l'iniziativa 18app - La cultura che ti piace. Stando ai dati diffusi da Repubblica, nel 2016 solo il 61% dei nati nel 1998, poco più di 351 mila ragazzi, ha fatto richiesta dei 500 euro del cosiddetto Buono cultura destinati all'acquisto di libri, dischi, concerti ed eventi culturali. Se da un lato le ragioni sono da attribuire a un'iniziale difficoltà nel barcamenarsi con la SPID, la procedura per registrare la propria identità digitale e fare richiesta del buono, dall'altro è evidente che, fin dall'inizio, l'iniziativa del Governo non ha raccolto grossi consensi tra i diciottenni. Quello che non tutti sanno, però, è che il bonus non viene erogato in maniera automatica, ma è necessario farne esplicita richiesta. Vediamo i passi da seguire.

Chi ha diritto al bonus?

Tutti i ragazzi nati nel 1999 e che, quindi, hanno compiuto o compiranno i 18 anni nel corso del 2017, possono richiedere il bonus. Gli aventi diritto hanno tempo fino al 30 giugno 2018 per registrarsi sul sito www.18app.italia.it e fare richiesta dei buoni che potranno essere spesi entro il 31 dicembre 2018. Ne hanno diritto tutti i ragazzi in linea con i requisiti d'età, residenti in Italia o anche in possesso di un permesso di soggiorno valido. 

Come farne richiesta

Dopo aver compiuto 18 anni, puoi fare richiesta del bonus seguendo questi semplici passi:

  • Richiedi la tua identità digitale (SPID)
    Come prima cosa, è necessario chiedere la propria identità digitale (SPID). I soggetti identificatori a cui rivolgersi sono diversi: Infocert, Poste, Sielte, Tim, Aruba.it, Namirial, SpidItalia. Noi abbiamo provato la procedura via web di Sielte: dopo aver inserito email e numero di telefono ci è stato richiesto di compilare un form con i dati anagrafici. Abbiamo indicato il numero della carta d'identità e, quindi, abbiamo ricevuto sul cellulare un SMS contenente un codice di attivazione. A questo punto è necessario caricare le foto fronte e retro del documento d'identità e della tessera sanitaria. L'ultimo passo per avere la propria SPID è prenotare un appuntamento per una videochiamata su Skype o Messenger di Facebook.
  • Registrati sul sito 18app
    Solo dopo aver ottenuto la SPID è possibile effettuare la registrazione al sito www.18app.italia.it. Scegli l'ente certificatore e inserisci le credenziali di accesso a SPID.
  • Crea i buoni e trova i negozi
    Una volta registrato ed effettuato il login, puoi creare i buoni da utilizzare per pagare i tuoi acquisti. La lista completa dei negozi convenzionati è disponibile sul sito 18app e, oltre a un elenco di negozi fisici, comprende anche diversi siti di ecommerce, tra i quali Amazon, La Feltrinelli, MediaWorld, Ticketone e tanti altri.

A quanto ammonta e come può essere speso

Il buono cultura ammonta a 500 euro e può essere speso per acquisti (sia online che nei negozi fisici) e per attività culturali come:

  • Cinema (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  • Concerti (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  • Eventi culturali (biglietto d’ingresso a festival, fiere culturali, circhi)
  • Libri (audiolibro, ebook, libro)
  • Musei, monumenti e parchi (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  • Teatro e danza (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  • Musica registrata (cd, dvd musicali, dischi in vinile, musica on line)
  • Corsi di musica, di teatro o di lingua straniera.