PRONTO TASSE

Ecobonus

13 agosto 2021
  • contributo tecnico di
  • Tatiana Oneta
  • di
  • Luca Cartapatti

13 agosto 2021
  • contributo tecnico di
  • Tatiana Oneta
  • di
  • Luca Cartapatti

Lo scopo è uno: incentivare al massimo gli interventi per la riqualificazione energetica di abitazioni e edifici. Per questo motivo i lavori che possono essere detratti sono molti e le percentuali di detrazione sono elevate. Ecco tutte le informazioni.

Ecobonus: la guida completa

Quanto recuperi

  • Detrazione del 65%: fino a fine 2021 per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti. La spesa massima detraibile varia in base al tipo di intervento realizzato e la detrazione viene divisa in 10 quote annuali di pari importo. A partire dal 1° gennaio 2018, alcune spese di riqualificazione energetica (infissi, caldaie a condensazione...) possono essere detratte con percentuali inferiori.
  • Detrazione del 70%: dal 2017 fino a fine 2021 per gli interventi condominiali che riguardano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio stesso. Limite di spesa massima di 40.000 euro per unità abitativa.
  • Detrazione del 75%: se l’intervento è finalizzato a migliorare la prestazione energetica estiva e invernale del condominio, conseguendo almeno la qualità media di cui al DM(decreto ministeriale) del 26 giugno 2015. Limite di spesa massima di 40.000 euro per unità abitativa.
  • Detrazione del 110%: dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2022 se l'intervento riguarda la sostituzione dell'impianto di climatizzazione invernale o l'isolamento termico dell'edificio a particolari condizioni, con limiti di spesa differenziati. La detrazione viene divisa in 5 o in 4 anni.
  • Detrazione del 36%: dal 1 gennaio 2022 per gli interventi su singole unità abitative per una spesa massima di 48.000 euro.
  • Detrazione del 36%: dal 1 gennaio 2022 per interventi su interi condomini per una spesa massima di 48.000 euro.

Quando ci si riferisce a interventi condominiali, il limite massimo di spesa detraibile di 40.000 euro si intende per unità immobiliare che compone il condominio: quindi, ad esempio, per un condominio di 4 appartamenti la spesa massima detraibile al 70% o al 75% è di 160.000 euro. Un professionista abilitato deve asseverare con un Ape il raggiungimento di questi obiettivi di risparmio.

Dove le indichi

Nel Quadro E, sez. IV Righi E61/E62.

Documenti da conservare

Per tutte le tipologie di spesa detraibile devi conservare:

  • stampa originale della scheda descrittiva riportante il codice CPID assegnato dal sito Enea;
  • l'asseverazione redatta dal tecnico abilitato insieme al computo metrico se il lavoro è iniziato dopo il 6 ottobre 2020;
  • la scheda tecnica dei prodotti installati;
  • stampa dell'e-mail inviata da Enea contenente il codice CPID a garanzia del corretto invio della documentazione;
  • le fatture;
  • i bonifici bancari o postali parlanti;
  • altra documentazione relativa alle spese il cui pagamento può non essere eseguito con bonifico (ritenute d’acconto sui compensi ai professionisti, imposta di bollo e diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni ecc.);
  • l’autocertificazione in cui dichiari di non fruire di eventuali altri contributi riferiti agli stessi lavori;
  • eventuale copia della comunicazione della prosecuzione lavori;
  • se i lavori sono stati sostenuti dall’affittuario o dal comodatario, copia della dichiarazione di consenso del proprietario all’esecuzione dei lavori;
  • in caso di vendita dell’immobile oggetto dell’intervento, copia dell’atto di cessione se si mantiene la detrazione e non la si passa all’acquirente;
  • in caso di successione dell’immobile, l’autocertificazione che attesta la disponibilità del bene e la sua detenzione materiale e diretta;
  • per le spese sulle parti comuni, la dichiarazione dell’amministratore condominiale che attesti di aver adempiuto a tutti gli obblighi previsti dalla legge e che certifichi l’entità della somma corrisposta dal condomino e la misura della detrazione;
  • per gli interventi strutturali, tutti gli elaborati progettuali presentati alle amministrazioni competenti, firmati da Tecnico abilitato e iscritto all’albo.

L'alternativa con il 110%

Gli interventi ammessi alla detrazione per risparmio energetico in molti casi coincidono con quelli per i quali è prevista la detrazione per le spese relative alle ristrutturazioni edilizie o quelle che danno diritto alla detrazione del 110%. Tuttavia, per lo stesso intervento non è possibile fruire di più detrazioni, che sono alternative tra loro.

Allo stesso modo queste detrazioni non sono cumulabili con ulteriori contributi comunitari, regionali o locali, fatta salva la possibilità di cumulo con i certificati.

In caso di interventi che danno diritto al superbonus del 110%, svolti congiuntamente ad altri interventi che beneficiano dell'ecobonus con percentuali ridotte, è possibile estendere la detrazione del 110% anch a questi ultimi, nel rispetto dei limiti di spesa massimi consentiti per gli stessi.

Lo sconto in fattura e la cessione del credito

Per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, al posto della detrazione puoi scegliere di ottenere uno sconto di pari importo, su quanto devi pagare al fornitore fino al limite della spesa da sostenere, che recupera l’importo sottoforma di credito d’imposta cedibile a sua volta anche a intermediari finanziari o istituti di credito.

In alternativa, puoi scegliere di “trasformare” la detrazione in credito d’imposta e cederlo direttamente ad altri soggetti, comprese banche e intermediari finanziari. La cessione deve esser fatta in via telematica tramite le procedure definite dall’Agenzia delle entrate.

L’opzione della cessione può essere effettuata in relazione a ciascuno stato di avanzamento dei lavori, che, con riferimento agli interventi che danno diritto al Superbonus, non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo. Il primo stato di avanzamento, inoltre, deve riferirsi ad almeno il 30% e il secondo ad almeno il 60% dell’intervento medesimo.

Se viene accertata la non spettanza, anche parziale, della detrazione in capo al contribuente, il recupero del relativo importo sarà maggiorato di interessi e sanzione. Se, invece, viene accertata l’indebita fruizione, anche parziale, del credito da parte del fornitore (o di chi lo ha ottenuto), il recupero del relativo importo avverrà nei suoi confronti, maggiorato di interessi e sanzione.


Stampa Invia