PRONTO TASSE

Spese mediche

20 aprile 2020
  • contributo tecnico di
  • Tatiana Oneta
  • di
  • Luca Cartapatti

20 aprile 2020
  • contributo tecnico di
  • Tatiana Oneta
  • di
  • Luca Cartapatti

Dai farmaci agli interventi fino a prodotti come cerotti e materassi ortopedici: sono molte le spese sanitarie che possono essere detratte con la dichiarazione dei redditi. Ecco nel dettaglio quali sono e come si detraggono.

Spese mediche sostenute all'estero

Le spese mediche sostenute all’estero sono detraibili nella dichiarazione dei redditi con gli stessi criteri usati per quelle sostenute in Italia. L'importante è aver conservato la documentazione che prova il tipo di prestazione e l’importo che è stato pagato. Se la documentazione è redatta in inglese, francese, spagnolo o tedesco (sloveno per i residenti in Friuli appartenenti alla minoranza slovena) occorre una traduzione in italiano, che può essere fatta dallo stesso contribuente, che la deve sottoscrivere per garantirne la veridicità.  Questa possibilità c'è solo per le lingue elencate: infatti, se la documentazione è redatta in una lingua diversa da queste, bisogna presentare una traduzione giurata del documento. Per ottenere questo tipo di traduzione rivolgiti al Tribunale, che ti indicherà uno o più professionisti a cui rivolgerti per la traduzione che verrà poi asseverata dal Tribunale stesso.

Per gli acquisti fatti in farmacia, se lo scontrino estero non riporta il codice fiscale di chi ha sostenuto la spesa, lo si può indicare a mano sullo stesso. Natura, qualità e quantità del farmaco acquistato devono invece risultare da idonea documentazione rilasciata dal farmacista.

Attenzione: non sono detraibili le spese relative al trasferimento e al soggiorno all’estero (anche se dovuto a gravi motivi di salute).


Stampa Invia