Guida all'acquisto

Come scegliere l'aspirapolvere

aspirapolvere

Certo, l'aspirapolvere è molto comodo, ma per non sbagliare acquisto è importante sapere come sceglierlo. Peso, consumi, rispetto ambientale e accessori sono fondamentali. Consulta il nostro test per scoprire qual è il migliore.

L'aspirapolvere nelle faccende domestiche è molto comodo, ma trovare quello giusto non è facile: scopri chi è sopravvissuto alle nostre prove di laboratorio.

il test sugli aspirapolveri

Peso, consumi, ambiente e accessori

Al di là della tipologia di aspirapolvere (con o senza sacco), ecco quali sono gli aspetti da prendere in considerazione prima di acquistare una:

  • peso: non è un aspetto secondario, soprattutto se devi pulire le scale o salire da un piano a un altro;
  • consumo energetico: molti modelli consumano davvero troppo. I produttori tendono a vantarsi della potenza elevata dei propri aspirapolvere, relazionandola con l'efficacia di aspirazione. In realtà la potenza riportata in etichetta, indica il consumo elettrico e quindi quanto l'utilizzo dell'apparecchio peserà sulla bolletta della luce;
  • ambiente: i produttori chiamano aspirapolvere "eco" o "green", i modelli che consumano tra i 1.200 e 1.400 Watt. Dai nostri test emerge che alcuni di questi modelli forniscono prestazioni buone nell'aspirazione, tanto quanto i modelli più potenti;
  • accessori: alcuni sono molto utili, ad esempio le bocchette influenzano la capacità di aspirazione di un apparecchio.

Cosa dice la normativa

La normativa dice che:

  • gli aspirapolvere non possono essere prodotti con una potenza superiore a 1600 Watt, limite che scenderà a 900 W nel settembre 2017;
  • le classi energetiche sono sette: dalla A (la più efficiente) alla G (la meno efficiente);
  • c'è un limite sul consumo annuale di energia, meno di 62 kWh annui;
  • la capacità di aspirazione deve raggiungere minimo il 70 % sui tappeti e il 95% sui pavimenti duri (ad esempio, piastrelle, parquet, marmo).