Consigli

Feste e piatti sporchi: come risparmiare tempo a lavarli

24 dicembre 2016
lavastoviglie

24 dicembre 2016
Se per queste feste hai invitati a pranzo o a cena, non basta pulire casa e cucinare. Il bello viene dopo con piatti da lavare e teglie da sgrassare. Come evitare di passare ore in cucina a pulire? Come usare al meglio la lavastoviglie? Ecco alcuni consigli.

Festeggiare a casa non significa solo preparare un ambiente accogliente e passare ore ai fornelli: il bello viene dopo la festa, quando tutti se ne sono andati. I piatti e i bicchieri si sono accumulati nel lavello (per i più fortunati, nella lavastoviglie), le teglie incrostate sembrano senza speranza e quella macchia di vino sulla tovaglia sembra indelebile. Niente paura. Scegliendo gli strumenti giusti e adottando qualche piccolo accorgimento, rassettare la cucina dopo le abbuffate delle feste non sarà poi così complicato. Innanzitutto è bene aver acquistato un modello valido di lavapiatti: nel nostro test sulle lavastoviglie abbiamo confrontato oltre 100 prodotti e abbiamo scoperto che per avere un buon prodotto non è necessario comprare il più caro. Ma non solo: anche il detersivo per lavastoviglie deve essere efficace. Ne abbiamo testato 14 e tutti hanno ottenuto ottimi risultati nella rimozione di macchie difficili come uovo, cioccolato, burro, caffè e vino.


Scegli il detersivo per lavastoviglie migliore


E anche se decidi di lavare i piatti a mano serve avere un buon alleato: abbiamo messo alla prova 20 detersivi per i piatti, tra i più diffusi sugli scaffali dei supermercati.

Piatti puliti? Più facile a dirsi che a farsi

Ci sono alcuni piccoli accorgimenti che si possono seguire in modo da rendere il lavoro meno faticoso. Ecco cosa puoi fare: 

  • elimina accuratamente i residui di cibo da piatti e pentole;
  • lava i piatti in acqua ferma;
  • immergi prima le stoviglie più pulite e per ultime quelle più grasse;
  • usa l’acqua fredda per togliere residui di amidi e latticini: l’acqua calda li rende più gommosi e difficili da eliminare;
  • gli oggetti in cristallo si lavano con il detersivo per i piatti e si sciacquano con acqua e aceto per renderli più brillanti. Per evitare le macchie di calcare asciuga subito con un canovaccio;
  • stoviglie sporche di pesce e uova vanno pulite separatamente: usa mezzo limone per togliere i cattivi odori;
  • una volta insaponate e strofinate le stoviglie, per risciacquarle passale sotto un filo di acqua fredda e lasciale sgocciolare bene prima di riporle ad asciugare;

Teglie incrostate? Il segreto è l'ammollo

Spesso le teglie arrivano nel lavello in condizioni terribili: il grasso è troppo secco, sono incrostate e a volte troppo grandi per la lavastoviglie. Se possibile, prima di cucinare, ricopri i tegami con la carta da forno o con l'alluminio: in questo modo lo sporco più difficile non arriverà sulle pentole. Se la ricetta non consente di farlo, la scelta migliore è lasciarle in ammollo oppure aiutarsi con una pastella di bicarbonato e acqua.

Lunga vita alla lavastoviglie

La lavastoviglie, come ogni elettrodomestico, ha bisogno della giusta manutenzione altrimenti rischia di rompersi. Soprattutto durante le feste, quando viene utilizzata molto e caricata con piatti unti, è meglio stare attenti e pulirla almeno una volta tra Natale e Capodanno. Ecco cinque suggerimenti per evitare problemi:

  • elimina i residui dai piatti e disponili correttamente: ad esempio gli oggetti grandi sul retro;
  • non sovraccaricarla;
  • pulisci il filtro regolarmente;
  • rabbocca sale e brillantante quando appare la spia;
  • se una volta finito il lavaggio la lavastoviglie non ha un buon odore, controlla che il filtro sia pulito, sciacqua le pareti con acqua e aceto e avvia un programma a vuoto ad alta temperatura.

E le macchie sulla tovaglia?

Macchie di vino rosso, sugo e unto? Per far tornare pulita la tovaglia non serve un lavaggio ad alta temperatura, ma un prodotto per pretrattare le macchie e un buon detersivo: abbiamo testato i detersivi per il bucato per capire quale fosse il migliore. L'arma vincente in ogni caso è il tempismo: tratta la macchia in tempo e con i giusti prodotti. Vino e pomodoro vanno trattati con uno sbiancante a base di ossigeno, cioccolato e uovo con detersivi con enzimi. Burro, olio e salse hanno bisogno di una bella passata con il sapone solido. Se stai pensando di acquistare una lavatrice nuova, consulta il nostro test per scoprire qual è la migliore.

Se sei interessato a scoprire altri trucchi e consigli per rendere più semplici le faccende di casa, richiedi "Il manuale delle pulizie" di Altroconsumo.


Stampa Invia