Consigli

Cinque falsi miti da sfatare sulla lavastoviglie per avere piatti puliti

03 giugno 2019
lavastoviglie

03 giugno 2019

È vero che prima di mettere i piatti in lavastoviglie è meglio sciacquarli? E che l'aceto può essere un valido sostituto del brillantante? Attorno alla lavastoviglie ruotano diverse false credenze. Cerchiamo di fare chiarezza sfatando le cinque più diffuse.

Lavare i piatti a mano è più efficace che lavarli in lavastoviglie

Falso. La lavastoviglie garantisce un'ottima azione disinfettante grazie alle alte temperature raggiunte nelle fasi di lavaggio (50°-65° C) e risciacquo (70° C), più di quanto avviene solitamente lavando i piatti nel lavandino. In tutti i casi, anche a parità di temperatura, la quantità di acqua impiegata nel lavaggio a mano è nettamente superiore (la lavastoviglie utilizza tra i 10 e i 16 litri d'acqua a lavaggio). Anche se il lavaggio a mano avviene velocemente, questo può significare che i piatti non vengano lavati a fondo. Nel lavaggio a mano, infatti, il fattore più importante risulta lo strofinìo, nella lavastoviglie invece i differenti fattori (tempo, azione meccanica, temperatura e chimica del detergente) sono più equilibrati.

Sciacquare i piatti a mano prima di inserirli in lavastoviglie li rende più puliti

Falso. I detersivi hanno bisogno di sporco da pulire e, se i piatti si presentano già detersi, gli enzimi del sapone agiscono meno rispetto alle loro potenzialità. Senza contare che l'operazione comporta uno spreco d'acqua inutile. Per eliminare i residui di cibo è meglio usare una spugnetta umida o i tovaglioli di carta usati durante il pasto (che comunque verrebbero buttati).

Si possono mettere in lavastoviglie tutti i tipi di stoviglie

Falso. Ci sono alcune tipologie di stoviglie che, alle alte temperature di lavaggio della lavastoviglie, potrebbero danneggiarsi. Per non correre rischi, è bene lavare a mano i recipienti di plastica non adatti alle alte temperature, stoviglie dipinte a mano, piatti con decorazioni metalliche, vetro soffiato, contenitori di legno, ghisa o latta.

Tanto detersivo in lavastoviglie rende i piatti più puliti

Falso. Ricorda che è sempre bene far partire la lavastoviglie a pieno carico, inserendo la giusta quantità di detersivo, senza eccedere. La giusta dose di detersivo per la giusta quantità di stoviglie aiuta a sfruttare al pieno le potenzialità di questo elettrodomestico.

L'aceto nella lavastoviglie sostituisce il brillantante

Falso. L'aceto è un acido e, sul lungo periodo, non si possono escludere danni alla lavastoviglie e alle stoviglie stesse. La sua azione, inoltre, non è equiparabile a quella del brillantante, perché non lascia la patina sulle stoviglie che fa scivolare via l'acqua. Ricorda che, molto spesso, nelle tabs è già incluso il brillantante, quindi se utilizzi un prodotto che contiene già il brillantante è opportuno disattivare quello della macchina.

Devi acquistare una lavastoviglie, ma sei disorientato davanti a tante offerte? Fatti aiutare dal nostro ultimo test.

Test lavastoviglie

Lavaggio ecologico

La lavastoviglie consuma meno acqua ed energia rispetto al lavaggio a mano dei piatti. Ecco gli accorgimenti da seguire:

  • Aziona sempre la lavastoviglie a pieno carico. Scegliendo programmi a bassa temperatura o eco, quando le stoviglie poco sporche, puoi risparmiare fino a 1.500 litri di acqua all'anno.
  • Meglio usare i programmi a bassa temperatura: se imposti un programma a 50 gradi, risparmi una quantità di energia elettrica pari a 80 cicli di lavaggio.
  • Se le stoviglie sono molto sporche, togli i residui a mano prima di metterli in lavastoviglie. Dai una passata con i tovaglioli di carta usati a tavola o con la spugnetta dei piatti inumidita per non sprecare acqua inutilmente.