News

Halloween, attenzione alle zucche decorative: possono essere tossiche

Ottobre è il mese di Halloween, di cui la zucca è simbolo universale. Può succedere che le zucche decorative vengano confuse con quelle commestibili. Le zucche ornamentali sono pericolose per la salute, possono infatti causare problemi gastro-intestinali.

23 ottobre 2018
zucca halloween

Tra le verdure di stagione nei mesi autunnali la zucca è sicuramente protagonista. Coloratissima e dal sapore dolciastro, è un ortaggio versatile, utilizzato in numerose preparazioni in cucina.

Zucche non commestibili

Non tutte le zucche che troviamo in vendita per Halloween sono però commestibili.
Le zucche non commestibili, come lo sono le zucche decorative, possono causare problemi gastro-intestinali come vomito e diarrea, causati dalla presenza di molecole chiamate cucurbitacine, sostanze tossiche dal sapore amaro che si trovano soprattutto nelle zucche ornamentali. Il problema però è che le forme e il colore di questi ortaggi possono ingannare il consumatore, per la loro somiglianza con le zucche commestibili.

Possibili soluzioni

L'avvelenamento causato da zucche amare acquistate in commercio non è raro, per cui è fondamentale che le zucche decorative non commestibili siano poste in vendita dai negozianti molto ben separate dalle zucche edibili. Una soluzione potrebbe essere quella di posizionare le zucche ornamentali in scaffali dedicati (per esempio nel reparto delle decorazioni di Halloween) e lontani dal reparto di frutta e verdura.
Se le zucche non edibili sono invece utilizzate per decorare uno scaffale del reparto ortofrutta, dev’essere chiaramente specificata, per esempio su un cartello e sull’etichetta del prodotto, la dicitura “non commestibile”, in ogni caso separandole bene da quelle edibili.
Anche presso fioristi e centri di giardinaggio, sarebbe opportuno specificare chiaramente, su cartelli ed etichette posti su semi e piantine da coltivare nell’orto domestico, se si tratta di zucche decorative oppure di zucche commestibili, oltre a riportare nome di specie e varietà. 
Occorrerebbe anche consigliare di distanziare bene nell’orto le piantine commestibili da quelle che non lo sono, data la possibilità di ibridazione spontanea se piantate nelle vicinanze. 

Assaggiare prima di ingerire

In ogni caso, per evitare spiacevoli disturbi, bisognerebbe assaggiare prima di consumare: la zucca commestibile non dovrebbe avere sapore amaro, per cui se lo notate, evitate di consumarla. Lo stesso pericolo, inoltre, si corre consumando anche zucchine dal sapore amaro, derivante anche in questo caso dall’eccesso di contenuto di cucurbitacine.