Consigli

Come congelare la frutta

Congelare la frutta per potersi concedere albicocche, pesche e ciliegie tutto l’anno è possibile. Una volta scongelati, i frutti potranno essere mangiati crudi, cotti o utilizzati per preparare marmellate, torte, sorbetti, frullati.

04 aprile 2022
congelare la frutta

La congelazione può dare buoni risultati se si utilizza frutta sana, soda e matura al punto giusto e si attua un processo rapido: la frutta, infatti, contiene molta acqua e, se la temperatura si abbassa lentamente, durante la fase di scongelamento perderà gran parte dei suoi succhi. La maggior parte può essere congelata cruda.
Il periodo di conservazione è di circa un anno. Se utilizzi la frutta in macedonia o per guarnire torte, fai scongelare, secondo la grandezza dei frutti, da 5 a 8 ore prima. Per composte o mar­mellate puoi riscaldare senza scongelare.

I tre metodi per congelare la frutta

Ci sono tre modi per congelare la frutta: al naturale, con lo zucchero op­pure nello sciroppo. Vediamo come procedere e per che cosa sono più adatti.

Congelare la frutta al naturale

La frutta con nocciolo, come albicocche, prugne e ciliege, può essere congelata al naturale. Potrai poi utilizzarla per preparare composte, marmellate o torte.
Per conservare senza danni la frutta più delicata, come fragole o lamponi, puoi distribuirla su un piatto e congelarla per qualche ora; quando le bacche saranno indurite riponile nei sacchetti: i piccoli frutti si conserveranno ben separati.

Congelare la frutta con lo zucchero

È un metodo adatto per ciliege snocciolate e amarene, ma anche per pesche o albicocche in pezzi. La frutta congelata con lo zucchero può essere consumata cruda: il sapore, il colore e il contenuto di vitamina C si conservano inalterati.
Per la frutta acida, calcola circa 200 g di zucchero per un chilogrammo di frutta. Per la frutta dolce, bastano 100 g di zucchero per un chilogrammo di frutta. Sistema in un contenitore strati alterni di frutta e zucchero, scuoti delicatamente per distribuire in modo uniforme.

Congelare la frutta nello sciroppo

È una preparazione adatta alla conservazione di albicocche, prugne, susine, pesche e frutti delicati che tendono a imbrunirsi. Lo sciroppo è assorbito dai frutti e li protegge dall’aria, dall’ossidazione e dalla decolorazione. La frutta così preparata può essere utilizzata da mangiare cruda, in macedonia, o da cuocere per preparare una composta.
Per preparare lo sciroppo, porta a ebollizione 400 g di zucchero in una pentola con un litro di acqua, continuando a mescolare. Poi lascia raffreddare. Se preferisci uno sciroppo più concentrato utilizza 650 g di zucchero. Puoi aggiungere il succo di un limone per preservare meglio il colore della frutta. Versa lo sciroppo sulla frutta da congelare: riem­pi il contenitore lasciando liberi almeno 2 cm prima del bordo.

Come congelare frutto per frutto

Indipendentemente dal tipo di frutta che vuoi congelare, tieni presente che è preferibile inserire nel congelatore piccoli quantitativi alla volta, per non far diminuire troppo la temperatura interna. Prima, però, procedi come indicato di seguito.

Banane

Ecco tutti i passaggi per congelare correttamente le banane.

  • Preparazione: sbucciale. Se le congeli immediatamente, non diventeranno marroni. In caso contrario, spruzzale con del succo di limone per conservare il colore.
  • Confezione: puoi congelarle intere, mettendole in un contenitore e separandole una dall’altra con della carta da forno, oppure dopo averle tagliate a fette. In questo secondo caso, disponi le fette su un piatto e falle congelare per qualche ora prima di sistemarle nei sacchetti.
  • Durata della conservazione: circa 3 mesi.

Ciliegie

Ecco tutti i passaggi per congelare correttamente le ciliegie.

  • Preparazione: togli il picciolo, lava con cura, lascia sgocciolare ed eventualmente elimina il nocciolo.
  • Confezione: puoi congelarle così come sono, oppure con lo zucchero o nello sciroppo.
  • Durata della conservazione: da 10 a 12 mesi.

Fragole

Ecco tutti i passaggi per congelare correttamente le fragole.

  • Preparazione: lava, fai sgocciolare, elimina il picciolo.
  • Confezione: congela per qualche ora le fragole disposte su un piatto, poi sistemale in contenitori o sacchetti.
  • Durata della conservazione: da 10 a 12 mesi.

Frutti di bosco

Ecco tutti i passaggi per congelare correttamente i frutti di bosco.

  • Preparazione: lava, elimina eventualmente i piccioli.
  • Confezione: disponi lamponi, mirtilli e more su un piatto, fai congelare qualche ora prima di sistemare nei sacchetti.
  • Durata della conservazione: da 10 a 12 mesi.

Mele

Ecco tutti i passaggi per congelare correttamente le mele.

  • Preparazione: pela, elimina il torsolo, taglia in quarti o a fette. Mescola le mele al succo di limone per evitare che anneriscano. Fai sbollentare per 2 minuti.
  • Confezione: disponi le fette su un piatto e congelale, dopo qualche ora riponile nei sacchetti.
  • Durata della conservazione: da 10 a 12 mesi.

Pesche e albicocche

Ecco tutti i passaggi per congelare correttamente pesche e albicocche.

  • Preparazione: lava con cura e lascia sgocciolare. Puoi congelarle intere. Se le congeli a fette, mettile per qualche minuto in acqua e limone per non farle annerire.
  • Confezione: puoi congelarle così come sono, oppure con lo zucchero o nello sciroppo.
  • Durata della conservazione: da 10 a 12 mesi.

Pere

Ecco tutti i passaggi per congelare correttamente le pere.

  • Preparazione: pela e taglia i frutti in quattro. Bagna con succo di limone per evitare l’ossidazione. Puoi scottare le pere per un minuto se vuoi poi utilizzarle in macedonia.
  • Confezione: puoi congelare i pezzi al naturale, disponendoli prima su un piatto e ponendoli nel congelatore per qualche ora prima di impacchettarli, oppure con zucchero o sciroppo.
  • Durata della conservazione: da 10 a 12 mesi.

Prugne

Ecco tutti i passaggi per congelare correttamente le prugne.

  • Preparazione: lava e lascia sgocciolare. Taglia i frutti in due parti ed elimina il nocciolo.
  • Confezione: ordina le prugne tagliate su un piatto e falle congelare qualche ora prima di riporle nei sacchetti.
  • Durata della conservazione: da 10 a 12 mesi.

Vuoi saperne di più? Consulta la nostra guida InPratica “Conservare sotto vetro e sotto zero”.