News

Le tasse per chi compra e vende casa: tutte le agevolazioni

22 giugno 2016
Tasse casa

22 giugno 2016

Dal 2016 sono entrati in vigore alcuni cambiamenti per chi decide di comprare o vendere un immobile. Sono state introdotte alcune agevolazioni che consentono di risparmiare sull'acquisto della prima casa. Ecco quali sono le imposte da pagare e i requisiti necessari per usufruire dei benifici.

Le imposte per chi compra casa

Dal 2016 sono entrati in vigore alcuni cambiamenti per chi decide di comprare o vendere casa, che consentono a chi possiede determinati requisiti di ottenere delle notevoli riduzioni d'imposta, sfruttando il cosiddetto "beneficio prima casa". 

Facciamo chiarezza su quali sono le imposte da pagare nel caso in cui decidi di comprare o vendere casa e quali le agevolazioni di cui potresti usufruire.

Quali sono le imposte da versare?

Quando si compra una casa le imposte da versare cambiano se, chi ci vende l'immobile, è un'impresa costruttrice o un privato

Le imposte da versare, a seconda dei casi sono l'Iva, l'imposta di registro, l'imposta ipotecaria e quella catastale, l'imposta di bollo e la tassa ipotecaria

Al posto dell'imposta di registro si applica l'Iva se: 

  • l'impresa costruttrice o che ha effettuato i lavori di ripristino dell'immobile sta vendendo entro cinque anni dal termine della costruzione o dell'intervento di recupero. Se è trascorso più tempo può chiedere di assoggettare a Iva la vendita inserendo questa scelta nell'atto notarile;
  • si tratta di vendita di fabbricati abitativi destinati ad alloggi sociali e il venditore vuole applicare l'Iva, annotando la scelta nell'atto notarile.

Ecco a quanto ammontano le imposte da versare:


Venditore Iva Imposta di
registro
Imposta
ipotecaria
Imposta
catastale
Privato o Impresa per vendite
esenti da Iva
 -  9%
 50 euro
 50 euro
Impresa per vendite
soggette a Iva
10% (se l'immobile 
è di lusso 22%)
 200 euro
 200 euro
 200 euro


Per vendite soggette a imposta di registro, l'importo minimo da versare è comunque di 1.000 euro. Fortunatamente però non sono dovute l'imposta di bollo, i tributi speciali catastali e le tasse ipotecarie. Viceversa, in caso di vendite soggette a Iva, salvo situazioni particolari, si devono versare anche l'imposta di bollo di 230 euro e la tassa ipotecaria di 90 euro.




Stampa Invia