Consigli

Tutto quello a cui devi prestare attenzione se decidi di acquistare un aspirapolvere o pulitore a vapore

Aspirapolvere e pulitori a vapore sono preziosi alleati nelle pulizie di casa: rimuovono polvere e sporco, lavando le superfici con la forza igienizzante del vapore. Non occorre utilizzare detergenti chimici, quindi rappresentano una soluzione naturale ed efficace di pulizia, senza alcun danno per l’ambiente e la casa. Vediamo come funzionano.

05 ottobre 2022
pulitore a vapore

Puliscono la casa senza l’utilizzo di prodotti e detergenti chimici, che possono costituire un problema per l'ambiente. Gli aspirapolvere e i pulitori a vapore igienizzano la casa in modo rapido, naturale ed efficace. Come funzionano?

Come funzionano gli aspirapolvere a vapore

Il funzionamento di aspirapolvere e pulitori a vapore è abbastanza semplice. L’acqua all’interno del serbatoio viene riscaldata e si trasforma in un getto di vapore che rimuove dalle superfici sporco, macchie e incrostazioni.

Come si usano aspirapolvere e pulitori a vapore? Per prima cosa, occorre versare dell’acqua nel serbatoio dell’elettrodomestico e collegare il dispositivo alla corrente. Una resistenza elettrica scalderà l’acqua fino alla temperatura di ebollizione per trasformarla in vapore.

Di solito, possiamo anche utilizzare un panno o specifici accessori per lavare al meglio le superfici grazie alla forza igienizzante del vapore.

Maggiore è la portata del getto di vapore, più rapida ed efficace sarà l'azione igienizzante per rimuovere sporco, virus e batteri. Fai attenzione ai materiali e alle superfici su cui hai intenzione di usare l’aspirapolvere a vapore, perché le alte temperature di acqua e vapore potrebbero provocare danni. Verifica sempre sul libretto di istruzioni dove e come è possibile usare tali apparecchi.

TROVA L’ASPIRAPOLVERE CHE PIÙ SI ADATTA ALLE TUE ESIGENZE 

Aspirapolvere e pulitori a vapore: modelli e funzioni

In generale, ci sono tre tipi principali di aspirapolvere a vapore.

  • Modello a canestro: aspirapolvere formato da un tubo con una testina pulente più un corpo principale con ruote, dove si trova il serbatoio dell'acqua. È un apparecchio versatile, adatto per pavimenti, superfici, finestre, tappeti e moquette. È la capacità del serbatoio dell’acqua a determinare l’autonomia del dispositivo: verificane la capienza. Alcuni modelli più avanzati danno la possibilità di versare nuova acqua in continuo, consentendo un’autonomia illimitata. Per altri, invece, occorre aspettare che la caldaia si raffreddi prima di aprire il tappo del serbatoio per riempirlo nuovamente. Di solito, il tempo di attesa è di almeno due ore. Nel caso di apparecchi con un serbatoio di dimensioni più grandi, l’autonomia è sufficiente per pulire più stanze della casa.
  • Modello verticale: generalmente ha una base con piccole ruote nella parte inferiore dell’apparecchio e un serbatoio dell’acqua collegato a un bastone con impugnatura, di varie misure e dimensioni. È adatto per la pulizia di pavimenti, tappeti e moquette
  • Modello portatile o a mano: più versatile e facile da trasportare e riporre. Rispetto ai modelli tradizionali, è più adatto per la pulizia di piccole aree (finestre, parabrezza di auto, piastrelle del bagno, piani cucina, angoli difficili da raggiungere). È maneggevole e facile da usare anche per pulire tavoli, scrivanie e piani di lavoro.

Aspirapolvere e pulitori a vapore: guida all’acquisto

Prima di acquistare un’aspirapolvere o un pulitore a vapore, valuta attentamente alcune caratteristiche dell’apparecchio.

  • Serbatoio rimovibile o trasparente: è più pratico e versatile di un serbatoio fisso o opaco. Anche se molti dispositivi hanno una spia luminosa che indica il basso livello dell'acqua, la trasparenza del serbatoio permette di osservare l’effettivo consumo di acqua
  • Lunghezza del filo: più lungo è il cavo, più sarà facile pulire senza dover continuamente cambiare le prese elettriche o utilizzare una prolunga. Questo, però, lo rende più pesante e difficile da riporre
  • Dimensioni: la possibilità di avvolgere il filo sull'apparecchio consente di riporre l’aspirapolvere a vapore con più facilità
  • Panni e salviette standard: verifica che panni e salviette standard possano essere applicati alla spazzola per pulire i pavimenti. Alcuni sistemi di fissaggio richiedono l'uso di salviette specifiche, non sempre facili da trovare. Alcuni tipi di salviette rimovibili consentono di toglierle anche senza chinarsi
  • Portabilità: presta attenzione alla facilità di utilizzo del pulitore a vapore. Aspetti come peso, impugnature e ruote direzionali facilitano un uso più regolare.

Aspirapolvere e pulitori a vapore: attenzione all’uso

Il vapore esce dagli ugelli dell’apparecchio a circa 100°: fai attenzione alla temperatura elevata, il rischio di ustioni è alto.

Non aprire mai il serbatoio dell’acqua durante l'uso dell’apparecchio per evitare di bruciarti con il vapore. Stacca il dispositivo dalla corrente e attendi che si raffreddi prima di aggiungere altra acqua nel serbatoio.

Il vapore a diretto contatto con la pelle può causare scottature. Non girare mai l’ugello da cui fuoriesce il vapore verso di te mentre il dispositivo è in funzione. Alcuni modelli sono dotati di un blocco di sicurezza che deve essere disattivato per rilasciare il vapore. Questo impedisce al dispositivo di attivarsi da solo.

In caso di danni visibili o perdite di acqua, non usare l’aspirapolvere o il pulitore a vapore. Portalo in negozio per farlo esaminare e riparare, se necessario.

Tieni l'aspirapolvere fuori dalla portata dei bambini. Non lasciarlo mai incustodito, nel caso in cui sia acceso.

La manutenzione di aspirapolveri e pulitori a vapore

Funzionando ad acqua, il rischio principale è la formazione di calcare nel serbatoio, nel tubo e negli accessori. Meglio usare l’acqua del rubinetto, se possibile verifica la durezza dell’acqua. Nel libretto di istruzioni sono indicate tutte le informazioni specifiche.

Se l'acqua della tua casa è troppo dura, puoi sostituirla con acqua demineralizzata. I principali produttori di elettrodomestici consigliano un dosaggio composto al 50% da acqua del rubinetto e 50% acqua demineralizzata.

Evita l'utilizzo di acqua piovana o acqua raccolta tramite un deumidificatore.

Per evitare depositi di calcare nel serbatoio, svuotalo dall’acqua eventualmente rimasta e risciacqualo dopo ogni utilizzo. Come gli accessori, può essere lavato sotto acqua corrente, senza l'aggiunta di alcun detergente o detersivo.

ASPIRAPOLVERE CON O SENZA SACCO: QUALE SCEGLIERE

Come si usa un’aspirapolvere o un pulitore a vapore?

Chiariamo dubbi e domande più frequenti.

Un pulitore a vapore danneggia i pavimenti?

Aspirapolvere e pulitori a vapore sono un prezioso aiuto nelle pulizie di casa, ma non sono adatti a tutte le superfici. Prima di acquistare o utilizzare un pulitore a vapore, verifica se adatto alle tue esigenze.

Spesso sulla confezione sono riportate le informazioni relative al tipo di superfici su cui può essere utilizzato. In caso di dubbi, verifica direttamente con il rivenditore o con chi ha installato il pavimento.

Come regola generale, meglio non usare aspirapolvere o pulitori a vapore su pavimenti in legno o parquet, poiché il vapore e l'umidità potrebbero rigonfiare i listelli, soprattutto nelle fessure. Un trucco è quello di versare una piccola quantità di acqua sul parquet o sul pavimento in legno: se l'acqua non si infiltra tra le fessure dei listelli, allora potresti utilizzare un pulitore a vapore senza problemi. In ogni caso, al primo utilizzo imposta al minimo la potenza del getto di vapore e asciuga sempre l'acqua in eccesso dopo l'uso.

ASPIRAPOLVERE PER PARQUET E PAVIMENTI IN LEGNO: COSA SAPERE

Posso usare aspirapolvere e pulitori a vapore su tessuti e moquette?
Gli apparecchi a vapore non sostituiscono gli aspirapolvere specifici per tappeti e moquette.

Il vapore, infatti, non rimuove in profondità lo sporco e la polvere. La temperatura elevata potrebbe, inoltre, danneggiare i tessuti a causa del calore eccessivo. Alcuni modelli mop a vapore sono dotati di accessori specifici per la pulizia di tappeti e moquette. Se sei interessato a un prodotto specifico, leggi il nostro approfondimento sugli aspirapolvere per tappeti e moquette.

Al primo utilizzo, fai una prova su una piccola area, così da verificare eventuali danni ai tessuti. In ogni caso, evita un eccessivo getto di vapore e aspira sempre il tappeto prima di utilizzare un’aspirapolvere a vapore.
Ogni quanto devo sostituire panni e salviette?
In genere, quando si acquista un’aspirapolvere o un pulitore a vapore, l’apparecchio è dotato di panni o salviette per la pulizia (tipicamente in microfibra). La maggior parte di panni e salviette sono lavabili in lavatrice, ogni volta che si sporcano. Controlla sul libretto di istruzioni le modalità di lavaggio: in alcuni casi, meglio evitare uso di candeggina o ammorbidenti. Se il panno è danneggiato o troppo consumato, va sostituito. Quelli di marca generica sono, di solito, più economici di quelli di marche più conosciute.
Cosa posso fare con un’aspirapolvere o pulitore a vapore?
  • Pulizia del forno e del piano cottura: rimuovere unto e grasso dal forno o dal piano cottura, può essere molto faticoso e spesso è necessario l’utilizzo di specifici detergenti chimici, che non servono se si usa un pulitore a vapore. Fai attenzione a non utilizzare il getto di vapore vicino alla resistenza del forno, per evitare di danneggiarlo. Puoi usare il vapore anche per pulire il barbecue, grazie ad apposite spazzole metalliche.
  • Igienizzare il materasso: pulire regolarmente il materasso consente di rimuovere polvere, cellule morte che rilasciamo naturalmente durante il sonno e acari della polvere che provocano allergie. L'elevata temperatura del vapore è in grado di uccidere la maggior parte degli acari della polvere. Fai attenzione a non bagnare troppo il materasso, altrimenti impiegherà molto tempo prima di asciugarsi. Verifica nel libretto di istruzioni dell’apparecchio come utilizzarlo al meglio per la pulizia dei materassi: prima di procedere con il getto di vapore, meglio aspirare accuratamente il materasso per rimuovere eventuale polvere.
  • Sbrinare il congelatore: se hai fretta di sbrinare il congelatore, il pulitore a vapore consente di sciogliere il ghiaccio in modo più rapido. Il calore del vapore sterilizza anche le superfici: non sarà, quindi, necessario utilizzare alcun detersivo per pulirle una volta rimosso il ghiaccio. Prima di procedere, rimuovi i cassetti, posiziona una ciotola sul fondo del congelatore per raccogliere ghiaccio e acqua, poi dirigi il getto di vapore direttamente sul ghiaccio, che dovrebbe venire via facilmente in grossi pezzi. Meglio avere a portata di mano un asciugamano.