News

Tutti i bonus per chi ha un Isee sotto i 20.000 euro

Quali sono le agevolazioni previste dalla Legge di Bilancio per chi ha un Isee inferiore ai 20.000 euro? Dal voucher per occhiali e lenti a contatto al kit digitalizzazione, dai contributi per l’affitto agli studenti fuori sede al bonus per le mamme single, ecco tutte le novità.

28 gennaio 2021
Bonus per redditi sotto 20 mila euro

Le famiglie a basso reddito hanno diritto ad alcune agevolazioni che possono richiedere per usufruire di bonus e incentivi. La Legge di Bilancio 2021, prevede infatti che vengano riconosciuti dei bonus in favore dei nuclei familiari con un Isee al di sotto dei 20.000 euro. Ma che cos’è l’Isee? E come si calcola?

Isee e diritto ai sussidi. Come fare la richiesta

L’Isee, acronimo che sta per Indicatore della Situazione Economica Equivalente, è uno strumento grazie al quale è possibile misurare la condizione economica delle famiglie per poter dimostrare il diritto a sussidi, agevolazioni e bonus. Per essere calcolato, si tiene conto del reddito, del patrimonio mobiliare e immobiliare e della composizione del nucleo familiare.

Ma come fare la richiesta? Per poter richiedere l’Isee all’ Inps, la pubblica amministrazione ha predisposto un apposito modulo, la DSU (dichiarazione sostitutiva unica). Ecco come funzionano la DSU e l'Isee precompilato e come completare la procedura senza perdere tempo. Se invece preferisci un'assistenza per predisporre il tuo Isee i soci Altroconsumo possono beneficiare di tutti i servizi che abbiamo concordato con Assocaaf.

Riuscire ad orientarsi non è sempre semplice: per questo abbiamo attivato un servizio di consulenza per poter dare a tutti la giusta assistenza in materia di agevolazioni, bonus e voucher che sono stati introdotti negli ultimi mesi, caratterizzati dalla pandemia.

Vediamo quindi quali sono tutti i bonus previsti dalla finanziaria per agevolare le famiglie meno abbienti.

Bonus occhiali e lenti a contatto

Per l’acquisto di occhiali o lenti correttive, è stato previsto un voucher, una tantum, del valore di 50 euro, per i nuclei familiari con un reddito inferiore a 10.000 euro. Ma qual è la modalità in cui il voucher viene erogato? Al momento, non essendoci ancora un decreto ministeriale che definisca le modalità di erogazione del voucher, sarà il negoziante stesso ad accordare uno sconto dopo aver preso visione di un documento che ne attesti la spettanza.

Ricordiamo che l’acquisto di occhiali e lenti a contatto è detraibile per il 19% della spesa sostenuta insieme alle spese mediche. L’importo della spesa coperto dal voucher non sarà però detraibile perché non è stato realmente sostenuto, mentre lo rimane, ovviamente, l’eccedenza.

Bonus affitto studenti fuori sede

Per tutti gli studenti che fanno parte di nuclei familiari con un Isee inferiore a 20.000 euro, è stato stanziato un fondo finalizzato a corrispondere un contributo per le spese sostenute per l’affitto, agli universitari fuori sede.

Entro fine febbraio è prevista l’uscita di un decreto ministeriale per stabilire come possa essere erogato tale contributo e a quanto ammonti l’importo spettante agli studenti iscritti a una facoltà universitaria che hanno la residenza in un Comune diverso da quello in cui risulta affittato l’immobile necessario alla frequentazione degli studi. L’unico limite, oltre a quello reddituale, è la percezione di altri contributi pubblici per l’affitto in questione.

Ricordiamo che le spese sostenute per il pagamento dell’affitto per gli studenti fuori sede sono comunque detraibili dal 730.

Bonus abbonamenti a giornali e riviste

Per il 2021 e il 2022, viene riconosciuto alle famiglie che hanno un Isee inferiore ai 20.000 euro e che già beneficiano del bonus PC, un contributo aggiuntivo di massimo 100 euro per l’acquisto di abbonamenti a quotidiani, riviste o periodici anche digitali.

Entro la fine del mese, dovrebbe uscire un decreto che stabilisce le modalità attuative di questa misura: al momento sappiamo solo che il contributo viene erogato sotto forma di sconto per gli acquisti effettuati online o presso i giornalai.

Bonus smartphone: requisiti e vantaggi del Kit Digitalizzazione

Se in una famiglia con Isee inferiore a 20.000 euro, c’è almeno un componente iscritto alle scuole superiori o all’università, viene concesso il cosiddetto “kit digitalizzazione”: per un anno, lo studente potrà usufruire di un dispositivo elettronico dotato di connettività in comodato d’uso gratuito. In alternativa, viene erogato il “bonus smartphone” da utilizzare per l’acquisto del dispositivo.

Entro fine febbraio uscirà il decreto attuativo che stabilisce gli importi e le modalità per ottenere il kit o il bonus. Per il momento sappiamo che il dispositivo mobile viene riconosciuto a un solo componente del nucleo familiare che deve dotarsi di SPID (sistema pubblico di identità digitale). Inoltre, poiché questa misura dovrebbe facilitare l’accesso alla didattica a distanza, questo stesso componente non deve essere intestatario di un contratto di connessione ad internet o di telefonia mobile.

Bonus di 500 euro al mese alle mamme single

Per il triennio che va dal 2021 al 2023, alle madri sole, disoccupate o monoreddito che hanno a carico un figlio con disabilità superiore al 60%, viene riconosciuto un contributo mensile di 500 euro netti massimi. Entro la fine di febbraio, uscirà un decreto ministeriale con le indicazioni su come presentare domanda per ottenere il contributo e le modalità di erogazione dello stesso.