Consigli

Mal di gola: spray e collutori fanno poco, ecco cosa funziona

28 settembre 2016
Mal di gola: spray e collutori fanno poco, ecco cosa funziona

28 settembre 2016

Intorno a questo diffuso problema di stagione fioccano pubblicità di decine di prodotti per dare sollievo: collutori, nebulizzatori e pastiglie da succhiare. Si tratta, in gran parte, di antinfiammatori o disinfettanti della bocca che hanno prove scarse di efficacia: meglio il paracetamolo e altri piccoli accorgimenti fai da te.

Mal di gola? A guardare la pubblicità, sembra che il rimedio sia a portata di mano, anzi di portafoglio. Uno spray, un collutorio, delle caramelle specifiche: decine di prodotti - tra antinfiammatori, disinfettanti della bocca (antisettici) e non solo - promettono miracoli nel dare sollievo quando, però, le prove sulla loro efficacia nel processo di guarigione sono scarse, se non nulle. Abbiamo acquistato alcuni di questi prodotti tanto pubblicizzati per esaminarli: leggi nello speciale le nostre considerazioni e segui i consigli alternativi che ti diamo di seguito.

Se proprio non ne puoi fare a meno di questi prodotti, non dimenticare che in molti casi esiste un medicinale equivalente, con la stessa efficacia rispetto a quello di marca ma con un prezzo anche nettamente inferiore. Consulta il nostro servizio online per sapere qual è.

 

Trova il farmaco meno caro

 

I rimedi efficaci: paracetamolo e idratazione

Ecco alcuni consigli per curare il mal di gola, senza farmaci o - se il dolore è forte - con medicinali che in linea di massima abbiamo tutti già in casa per eventuali mal di testa, dolori mestruali o febbre.

  • Preferisci il paracetamolo: stando alle prove, è il trattamento più efficace per mitigare il dolore alla gola, negli adulti come nei bambini, da assumere per bocca al bisogno.
  • In alternativa, l'ibuprofene: invece del paracetamolo, è consigliabile anche un antinfiammatorio a base di questo principio attivo.
  • Evita gli antibiotici: l'uso deve essere limitato ai pochi casi di infezioni batteriche (in media solo il 15% di tutti i mal di gola che circolano in inverno) e solo dopo averne accertato l'origine. Alcuni sintomi da tenere sott'occhio e per cui eventualmente andare dal medico sono: febbre sopra i 38 C°, tonsille ingrossate, ghiandole linfatiche del collo ingrossate o dolenti, assenza di tosse.
  • Bevi molto e idrata la gola: sia le tisane calde che le bevande fredde aiutano il processo di guarigione e allevieranno il dolore. In generale tutto ciò che idrata la gola va bene, dai fumenti ai gargarismi, all'umidificazione degli ambienti. Anche una caramella può dare sollievo e non è necessario che sia medicata o balsamica: la produzione di saliva, infatti, ha di per sé un effetto emolliente sulle mucose (meglio i prodotti senza zucchero).
  • Avanti tutta con il miele (a patto di non essere diabetici né lattanti): gli studi scientifici confermano le sue capacità lenitive sulle mucose arrossate e contro la tosse.
  • Non fumare: evita la sigaretta ma anche di stare in luoghi in cui si fuma per non peggiorare l'irritazione.
  • Riposa: nella maggior parte dei casi, il mal di gola è solo uno dei sintomi che accompagnano le malattie da raffreddamento, che guariscono spontanemaente ma solo con una buona quantità di riposo e ore di sonno.
  • Copri il collo e la gola: proteggiti dal freddo con una sciarpa o un foulard.
  • Non parlare troppo e non cantare: potresti peggiorare la situazione.
  • Lava regolarmente le mani con il sapone: eviterai di contagiare altre persone e ti proteggerai dal contagio.

Stampa Invia