Speciali

Diete dimagranti: quali scegliere e quali evitare

18 giugno 2020
diete

Iperproteiche o a blocchi? Sono spesso costose, non semplici da capire e da seguire, oltre che inutili e pericolose per la salute. Sotto la lente sono finite le più famose diete, indiscusse protagoniste di libri e riviste. Le abbiamo analizzate per valutarne pro e contro: ti sveliamo le 7 che è bene evitare.

Come funziona la dieta del metodo Montignac

Il metodo messo a punto da Montignac non è una vera e propria dieta dimagrante, anche se in caso di sovrappeso e obesità può contribuire alla perdita dei chili in eccesso, ma sono indicazioni di alcune corrette abitudini che possono essere seguite per tutta la vita. 

 Alimentazione secondo il metodo Montignac

Questo metodo si basa sul concetto di indice glicemico (IG), valore che indica la velocità di innalzamento della glicemia, in seguito all'assunzione di un alimento. 

Promuove il consumo di cibi ad alto tenore di fibra (riso e pasta integrali, legumi, verdure), quindi a basso IG, e limita il consumo di alimenti contenenti zuccheri semplici ad alto IG (bibite zuccherate, pane bianco, mais). Non vengono posti limiti nella quantità di cibo.

Sono previste due fasi: una di dimagrimento e l'altra di stabilizzazione e prevenzione.

Valutazione: buona
Nel complesso da buone indicazioni nutrizionali (fibra, grassi) e indica la dieta medirreranea come la migliore. Potendo assumere porzioni “illimitate” degli alimenti permessi non vi è alcuna garanzia che l’introito calorico sia quello corretto, quindi potrebbe risultare inefficace per soggetti abituati ad abbuffarsi. Montignac fornisce una tabella che riporta l’IG di tutti gli alimenti, purtroppo però non esiste una tabella ufficiale dell’indice glicemico degli alimenti condiviso da tutto il mondo scentifico a cui far riferimento.

 

 

Pro

  • Promuove il consumo di cibi ad alto tenore di fibra
  • Limita il consumo di alimenti contenenti zuccheri semplici e grassi saturi

Contro

  • Manca una lista di indici glicemici ufficiale