Speciali

Diete dimagranti: quali scegliere e quali evitare

18 giugno 2020
diete

Iperproteiche o a blocchi? Sono spesso costose, non semplici da capire e da seguire, oltre che inutili e pericolose per la salute. Sotto la lente sono finite le più famose diete, indiscusse protagoniste di libri e riviste. Le abbiamo analizzate per valutarne pro e contro: ti sveliamo le 7 che è bene evitare.

Come funziona la dieta Whole 30

Fondato da Dallas e Melissa Hartwig, Whole 30 è un programma della durata di 30 giorni che enfatizza l’assunzione di cibi naturali e non trasformati, raffinati e privi di valore nutritivo. Si ispira ai principi fondamentali della Paleo dieta, con eliminazione di cereali, legumi e latticini, oltre a zuccheri, sostituti dello zucchero, alcol e olii di semi. 

Gli alimenti sopra citati vengono aboliti in quanto non rispondenti a principi di promozione del benessere fisico e psicologico, riassunti nei loro quattro “criteri di qualità”:

  • promuovere una risposta psicologica salutare
  • promuovere una risposta ormonale salutare
  • sostenere la salute dell’intestino
  • sostenere le funzioni immunitarie e minimizzare i processi infiammatori

L’abolizione di questi alimenti è prevista per il periodo in cui si segue la dieta, ma incoraggiano a continuare con queste regole se non si sente l’esigenza di reintrodurre gli alimenti proibiti. In questo caso, la reintroduzione prevede l’inserimento graduale e separato di ogni gruppo di alimenti, ma solo per quelli che alla persona mancano e che hanno voglia di avere nella loro dieta.

dieta whole

Valutazione: mediocre

Gli apporti di carboidrati, proteine e grassi sono sbilanciati rispetto ai fabbisogni di riferimento. L’apporto proteico derivante solo da alimenti di origine animale, oltre a un'aderenza “ad libitum” alla dieta, senza restrizioni sull'assunzione di carne (anche se magra, come da loro consigliato), potrebbe potenzialmente essere favorevole ad alte assunzioni di grassi totali, grassi saturi e colesterolo. 

Pro

  • Invitano alla riscoperta del cibo genuino e ricco a livello nutrizionale.
  • Vieta il consumo di cibi elaborati e raffinati, che portano all'assunzione delle cosiddette "calorie vuote".

Contro

  • Con l'eliminazione di molte categorie di alimenti, a lungo andare si può andare incontro a carenze nutrizionali.
  • Rischio elevato di superare il livello massimo di assunzione giornaliera di lipidi.
  • Scoraggiano il vegetarianesimo e il veganesimo, perché non credono sia possibile godere di una salute ottimale senza mangiare proteine animali.